Vespa Tour 2016 – Toscana costa e strade del vino

Le vacanze con la Vespa.

Anche quest’anno siamo partiti con il “mezzo” per il solito giretto (900Km) nel cuore della mia regione.
Giorno 1
Siamo partiti da Lucca con l’intento di giungere in serata a Populonia per concludere la prima tappa all’ Agricampeggio Tognoni una bella azienda agricola che offre ospitalità in modo divertente. Si può infatti dormire all’interno di bellissime tende nel mezzo alla natura, con tutti i comfort, dal wifi, al frigobar, docce e servizi, senza dimenticare che l’azienda offre prodotti della terra biologici, freschi e di eccellente qualità. La zona oltre ad offrire spiagge meravigliose come Baratti e tutta la zona del golfo stesso è ricca di percorsi culturali all’insegna delle necropoli e acropoli etrusche, come il Parco archeologico di Populonia e Baratti o la stessa Populonia Castle.
Giorno 2
Dopo una bella colazione con la frutta acquistata allo spaccio dell’Azienda Agricola Tognoni ci siamo diretti verso Campiglia Marittima (Li) dove abbiamo lasciato i bagagli e soggiornato presso Le Camere in Piazza – Affittacamere in pieno centro, dove la Sig.ra Elisa (titolari della bellissima macelleria “Ferri” in Piazza della Repubblica) ci ha accolto in maniera strepitosa. subito dopo esserci sistemati, viste anche le condizioni meteo non proprio bellissime abbiamo deciso di recarci verso Torre Mozza. La sera, nel paese di Campiglia, si teneva la manifestazione “calici sotto le stelle” dove per le vie e nelle piazze si possono assaporare vini e prodotti tipici della zona, dal pesce al cinghiale.
Giorno 3
Visitata Campiglia, ci siamo spostati con la Vespa verso la zona di Cala Violina, ma visto l’affollamento che ormai impera in quel tratto di costa, abbinato alla mia misantropia cronica, ho optato per la limitrofa Cala Civetta, un giornata in spiaggia prima di un bell’aperitivo al Porto di Punta Ala prima di ripartire alla volta di Castiglione Della Pescaia.
Giorno 4/5/6
Stazionando nella zona di Castiglione, Marina di Grosseto, abbiamo colto l’occasione per visitare le spiagge lungo la costa all’interno del Parco Dell’uccellina, fino alla Baia Di Talamone dove abbiamo visitato il paese di Talamone e non ci siamo fatti mancare una sostanziosa cena a “Gli Attortellati” un posto meraviglioso per chi ama il buon cibo.
Giorno 7
Abbandoniamo la costa Toscana per addentrarci nelle province del Vino, dirigiamo quindi verso Montalcino dove tra strade perfette, curve e saliscendi ci siamo gustati il piacere di andare in Vespa. Un pranzo veloce nel centro storico, un bel bicchiere del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, una visita Fortezza di Montalcino con i suoi bastioni medicei in posizione elevata, consente la visione di un panorama eccezionale sulle colline morbide che contrastano con le geometriche linee parallele tipiche delle zone coltivate a vigneto. Da lì si riparte alla volta di Radda in Chianti per trascorrere l’ultima notte prima del rientro.
Avevamo prenotato presso Palazzo Leopoldo una dimora storica consigliataci da un caro amico motociclista di quelli veri nel centro di Radda. Qui abbiamo ricevuto un’accoglienza fantastica e per questo ringrazio tutto il personale dell’Hotel e della Spa Vignavecchia dove ci siamo rilassati dopo tutti i Km fatti a bordo della Vecchia Vespa 150 del 1961, cena a Le Forchette del Chianti un bel ristorante sul belvedere di Radda, dove mi sono goduto un ottimo cinghiale in umido sorseggiando del vino delle zone.
Giorno 8
Dopo una passeggiata nel centro di Radda, ci siamo fermati in un bellissimo negozio Decori neltempo dove realizzano oggettistica, gioielli ed abiti tutti realizzati da loro e vi garantisco che ci sono delle cose veramente stupende. Recuperati i bagagli, si fa rientro verso casa, con una breve sosta a Certaldo dove abbiamo visitato tutto il complesso museale cittadino. ore 18.00 fine del VespaTour2016 – summer edition/p>


Una Gita Domenicale

La mattina ti svegli, hai una giornata libera (finalmente) da stress, ansie, lavoro, ti affacci alla finestra e vedi che le nubi e l’umidità del giorno prima hanno lasciato spazio a un caldo sole e ad un cielo azzurro. Con una giornata così cosa c’è di meglio che salire in sella al metallico destriero razza Piaggio e perdersi per le vie poco trafficate della propria terra?
Così nasce una gita senza meta, dove ad ogni bivio o incrocio che sia l’unica cosa da fare è decidere se svoltare a destra o a sinistra, poche certezze accompagnano un percorso libero: ammirare il fascino del territorio, mangiare qualcosa e berci sù un buon bicchiere di vino!
Si parte così verso le Colline ad est di Lucca percorrendo Via delle Ville sino a giugnere a Villa Torrigiani, occasione per visitare lo splendido parco e le sale interne.
Si riparte alla volta di Montecarlo attraverso le vie della Strada del Vino e dell’Olio dove (se ci si organizza per tempo) è possibile prenotarsi nelle varie cantine per una degustazione di prodotti tipici. Vista l’improvvista abbiamo deciso di salire nel centro sotrico e fare un giro a piedi nella via centrale (Via Roma) chiusa al traffico, verso la fortezza.
Considerata l’ora di pranzo, si cerca un posto, come al solito un po’ fuori dagli schemi: TROVATO! La BUCA del norcino dove Mara e Alessandro ci hanno accolto tra i sapori dell’Emilia e locali, grande attenzione alla selezione di prodotti tipici di qualità, salumi e formaggi (anche francesi). Ah a Montecarlo, non puoi bere altre che UN LAMBRUSCO.
Mangiati e bevuti, dopo una passeggiata ristorativa, si fa rientro a casa.

La Vespa Villa Torrigiani LA BUCA del norcino - Montecarlo

Enovagando 2013 ed. #0

Aside

Questa è la prima edizione di Enovagando, un gruppo di amici, accumunati dalla passione per la Vespa, decidono di fare una “giratina” per le colline Toscane, tra il Chianti Classico, Il Brunello, il Morellino e Bolgheri.


foto